Fine vita, oltraggi estremi

Apr 30, 2012 by     No Comments    Posted under: Eutanasia, Testamento Biologico

Il Sole 24 Ore

29/04/2012

Gilberto Corbellini

 

Siamo un «Paese dei diritti negati»: nel libro di Carlo Troilo una rassegna dei fatti e delle dinamiche politiche che hanno prodotto la regressione italiana

In assenza di una legislazione appropriata, la decisione è impropriamente affidata al medico, penalizzando la libertà di scelta individuale c1i Gilberto Corbellini n occasione della giornata sugli stati vegetativi organizzata nel febbraio scorso, il ministro della Salute Renato Balduzzi ha invitato a non scatenare una «guerra di religioni» intorno al disegno di legge sulle direttive anticipate (dette anche testamento biologico). Di fatto, si tratterebbe, se mai, dell’ennesimo atto di guerra da parte di “una” religione contro il fondamentale diritto all’autodeterminazione. Ma l’auspicio è che il confronto un po’ meno ideologico in corso tra i principali partiti e imposto dall’emergenza economica, aiuti a recuperare un po’ di saggezza anche sui temi bioetici. Perché sarebbe umiliante per i cittadini italiani subire una seconda legge etica (dopo la legge 4o sulla fecondazione assistita), che ancora una volta obbligherebbe le persone a subire trattamenti indesiderati, in questo caso nell’eventualità che non si sia più in grado di decidere autonomamente. In tutto il mondo civile le direttive anticipate sono vincolanti per i medici e consentono di rifiutare qualunque trattamento, induse alimentazione e idratazione artificiale.

Continua a leggere cliccando qui

Got anything to say? Go ahead and leave a comment!

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Spot per l’ eutanasia

5xMille DONA ORA