Sei di Milano? Fai come Fabio Volo! Sostieni le proposte di delibera popolare per una città radicalmente nuova

Mag 14, 2012 by     No Comments    Posted under: Fine vita

5 proposte di delibera di iniziativa popolare per proporre al mondo un modello di città aperta e laica, dove i più diversi tipi di famiglia, di amore e di stili di vita possano convivere nel nome della libertà e responsabilità di scelta.

Se sei di Milano e vuoi una città radicalmente nuova, clicca qui per leggere il testo delle proposte di delibera popolare su

– Unioni Civili

– Regolamentazione della prostituzione

– Discriminazioni

– Droga

– Fine vita

Di seguito e qui il testo della proposta di delibera sulla “ISTITUZIONE DEL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE DI VOLONTA’ SUI TRATTAMENTI SANITARI. APPROVAZIONE REGOLAMENTO”

Considerato che

– In assenza di una normativa nazionale in materia, moltissimi cittadini hanno sottoscritto dichiarazioni anticipate di volontà sui trattamenti sanitari;

– diversi Comuni italiani hanno già provveduto ad istituire registri per la custodia dei “testamenti biologici”;

Premesso che

– per “Dichiarazione anticipata di volontà sui trattamenti sanitari” si intende un atto con il quale ciascuno dispone in merito ai trattamenti medici in situazione di perdita di coscienza permanente ed irreversibile;

– l’articolo 32, comma 2 della Costituzione Italiana, tutela la salute come diritto fondamentale stabilendo che “Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge ”;

– Ai sensi dell’articolo 13 della Costituzione “la libertà personale è inviolabile”;

– l’articolo 3 della Costituzione afferma che “tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di (sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche,) di condizioni personali e sociali”;

– l’articolo 10 della Costituzione afferma che “l’ordinamento giuridico italiano si conforma alle norme del diritto internazionale generalmente riconosciute”;

– il ruolo rivestito dal Comune, con pienezza di poteri, per il perseguimento dei compiti afferenti alla comunità locale ai sensi del Decreto Legislativo 267/2000;

 

Considerati altresì:

– Gli artt. 1, 2 e 3 della Carta dei Diritti fondamentali dell’Unione Europea;

– la Convenzione del Consiglio d’Europa sui Diritti Umani e la Biomedicina all’art. 5 e all’art. 9;

– Gli artt. 16, 35 e 38 del Codice di deontologia medica;

Rilevato che:

le Amministrazioni Comunali possono effettuare la registrazione di dichiarazione sostitutiva di atto notorio, resa ai sensi e per gli effetti dell’art. 47 DPR 445/2000

IL CONSIGLIO COMUNALE

VISTI:

Il D.Lgs. 267/2000 e ss.mm.ii.;

L’artt. 10 e 36 del vigente Statuto comunale;

L’Art 3 del Regolamento per l’Attuazione dei diritti di partecipazione popolare;

l’art. 8 comma 3 del decreto legislativo n.267/2000;

La Circolare interministeriale del 19 novembre 2010;

Ritenuta la competenza del Consiglio comunale ai sensi dell’art. 42 del D.Lgs. 267/2000 e ss.mm.ii.;

 

DELIBERA

di approvare, il “Regolamento per l’Istituzione del registro delle dichiarazioni anticipate di volontà dei trattamenti sanitari rese sotto forma di dichiarazioni sostitutive di atto notorio” allegato al presente atto come parte integrante e sostanziale

 

REGOLAMENTO PER L’ISTITUZIONE DEL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE DI VOLONTA’ SUI TRATTAMENTI SANITARI

Articolo 1 – Istituzione del registro dei testamenti biologici

1. È istituito un Registro Telematico dei Testamenti Biologici presso l’Ufficio Comunale competente presso la Direzione servizi alla Persona.

2. L’iscrizione al Registro consente l’archiviazione delle dichiarazioni anticipate di volontà relative ai trattamenti sanitari espresse dai cittadini, successivamente denominate, a mero titolo convenzionale, “testamento biologico”.

Articolo 2 – Modalità di tenuta del registro

L’iscrizione al Registro può essere richiesta da tutti i residenti del Comune di Milano.

Le iscrizioni nel Registro possono essere effettuate secondo le modalità qui di seguito riportate:

1- i preposti uffici comunali, individuati a tal fine con atto dell’Amministrazione Comunale, provvedono al ricevimento ed alla annotazione in apposito registro, di dichiarazioni sostitutive di atto notorio rese ai sensi e per gli effetti dell’art. 47 DPR 445/2000 attestanti l’avvenuto deposito in una determinata sede, della dichiarazione anticipata di trattamento nonché l’indicazione di uno o più fiduciari. La dichiarazione dovrà contenere l’espressa menzione delle conseguenze penali in caso di dichiarazioni mendaci ed essere corredata di copia del documento di identità. La sottoscrizione in calce alla suddetta dichiarazione non dovrà essere autenticata. La dichiarazione dovrà altresì indicare le generalità di uno o più fiduciari, ai quali i competenti uffici comunali dovranno comunicare l’avvenuta consegna presso il Comune di Milano della dichiarazione di cui al presente articolo. Dette dichiarazioni dovranno opportunamente essere registrate e conservate presso i competenti uffici dell’Amministrazione comunale. Il dichiarante può indicare fino a tre persone autorizzate, come lui stesso, ad estrarre copia della dichiarazione in qualsiasi momento presso i preposti uffici comunali.

2- a discrezione dell’interessato si può optare per la consegna, presso i preposti uffici comunali, del testamento biologico, preventivamente predisposto a cura dell’interessato, in busta chiusa e sigillata utilizzando il modello di istanza di conservazione e archiviazione messo a disposizione dall’Amministrazione Comunale, su apposita modulistica predisposta. All’istanza va allegata dichiarazione sostitutiva di atto notorio nella quale l’interessato dichiara che nella busta chiusa e sigillata, allegata, è contenuto il proprio testamento biologico debitamente sottoscritto. Detta dichiarazione deve essere resa nel rispetto delle norme di riferimento e , pertanto, contenere l’espressa menzione delle conseguenze penali in caso di dichiarazioni mendaci nonché essere corredata di copia del documento di identità.

L’istanza va presentata in duplice copia e firmata davanti all’impiegato addetto alla ricezione della stessa il quale provvederà a restituire all’interessato, la seconda copia corredata di ricevuta di protocollo.

La suddetta istanza dovrà essere corredata, altresì, di apposita dichiarazione sostitutiva di atto notorio sottoscritta dal fiduciario, in cui costui dichiara di avere accettato l’incarico di fiduciario attraverso la sottoscrizione del testamento biologico dell’interessato contenuto nella busta. Detta dichiarazione deve essere resa nel rispetto delle norme di riferimento e, pertanto, contenere l’espressa menzione delle conseguenze penali in caso di dichiarazioni mendaci nonché essere corredata di copia del documento di identità.

La dichiarazione del fiduciario deve essere presentata in duplice copia e firmata davanti all’impiegato addetto alla ricezione della stessa il quale provvederà a restituire al fiduciario, la seconda copia corredata di ricevuta di protocollo.

Per le ipotesi di cui al comma 2 e solo ed unicamente per le dichiarazioni sostitutive rilasciate dal fiduciario, il Comune di Milano provvede alla registrazione ed alla conservazione delle stesse con le stesse modalità di cui al comma 1.

L’interessato e il fiduciario possono in qualsiasi momento sia ottenere copia delle dichiarazioni sostitutive rilasciate da entrambi, sia ritirare la busta chiusa.

3. Qualora, nell’Organizzazione interna dell’Ente si dovesse stabilire che l’ufficio che riceve le dichiarazioni è diverso da quello addetto alla registrazione o all’archiviazione di cui al primo e secondo comma del presente articolo, l’ufficio addetto al ricevimento sarà tenuto a comunicare al domicilio dell’interessato e del fiduciario nelle ipotesi di cui al secondo comma, una nota attestante l’avvenuta registrazione della dichiarazione di cui al comma 1 o l’avvenuta archiviazione di cui al comma 2, con esatta indicazione del numero progressivo di dichiarazione o di archiviazione.

Il venir meno della situazione di residenza nel Comune non comporta la cancellazione dal registro.

I soggetti le cui dichiarazioni sono inserite nel Registro ricevono un’informativa periodica biennale sullo stato delle dichiarazioni presentate, sulle copie richieste dai soggetti autorizzati e sull’eventuale ritiro della busta chiusa, nonché sulle modalità per l’eventuale rinnovo delle dichiarazioni o cancellazione dal Registro.

Articolo 3 – Attività di pubblicizzazione ed informazione

L’Amministrazione comunale si attiva affinché le disposizioni della presente delibera siano pubblicizzate in tutto il territorio comunale, nelle forme ritenute più opportune da cui emerga la necessità che vi sia una espressione di libera scelta dell’individuo nell’accettare o meno un determinato trattamento sanitario, e dunque la possibilità di esercitare tale scelta anche per quando non si fosse più in grado di intendere e di volere, rafforzando così il riconoscimento della libertà e dell’autonomia dell’individuo nelle scelte personali che lo riguardano.

Articolo 4 –Corrispettivi per la fruizione del servizio amministrativo

A fronte della fruizione dei servizi di cui al presente regolamento, il cittadino interessato è tenuto esclusivamente a corrispondere l’eventuale costo di gestione del servizio stesso, il cui importo non dovrà comunque superare la somma di 1 Euro.

 

Got anything to say? Go ahead and leave a comment!

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Spot per l’ eutanasia

5xMille DONA ORA